MOBILITA’ NON VIABILITA’

di seguito un mio vecchio articolo nel merito del dibattito a livello regionale sulla mobilità del futuro. Nonostante siano passati alcuni anni rimane ancora del tutto attuale.

Di Eugenio Baronti

È veramente sconfortante constatare che, nel dibattito di questi ultimi mesi sulla mobilità, sia completamente sparita la  consapevolezza del passaggio delicato ed epocale in cui si trova oggi l’umanità. In questi anni ci giochiamo il nostro futurola qualità della nostra vita. Quello che dovremmo fare, in tempi ragionevolmente brevi, è costruire gradualmente un nuovo sistema di mobilità che sappia sostituire quello che abbiamo che è del tutto insostenibile e non solo per la scarsità e i costi crescenti della fonte energetica primaria, ma soprattutto per la saturazione degli spazi disponibili nelle nostre città sfigurate e congestionate, rese invivibili, assoggettate  completamente alla dittatura dei bisogni dell’auto che ha progressivamente marginalizzato e poi espulso dalla progettazione degli spazi delle nostre città, i bisogni e le esigenze degli uomini, delle donne e soprattutto dei bambini.

In tutta Europa si discute di questo e soprattutto si producono fatti concreti.

Si realizzano tranvie elettriche, metropolitane, piste ciclabili, ovunque si sperimentano soluzioni alternative di mobilità, ci si prepara e si costruisce gradualmente l’alternativa.

I pessimisti dicono che abbiamo a disposizione pochissimo tempo, 5 anni, i più ottimisti 10, massimo 15 anni. Diversi paesi europei hanno annunciato che ogni risorsa finanziaria disponibile andrà a coprire l’enorme spesa necessaria per realizzare questo passaggio epocale ad un nuovo sistema di mobilità delle merci e delle persone del futuro.

La competitività del Paese dipenderà tutta dagli esiti di questa sfida giocata in campo europeo e chi arriverà con ritardo sarà condannato ad un inevitabile declino.

Il dibattito in Toscana sembra essere fuori dal tempo e fuori dal mondo, si continua ancora a parlare quasi esclusivamente di nuova grande viabilità su cui vengono impegnate tutte le poche risorse finanziarie disponibili: FI PI LI, Autostrada tirrenica, grandi assi viari a Lucca, traforo delle alpi apuane per collegamento Garfagnana Massa e per ultima, forse la più assurda e inconcepibile: la terza corsia della Firenze mare (che, bene che vada, ad essere ottimisti, andrà a regime nel 2020), pensando, unici in Europa, che anche tra 10 o 15 anni tutto sarà uguale ad oggi, e potrà ancora esistere un modello di mobilità individuale, tutta su gomma, ereditata dal secolo scorso.

SEL non può più continuare ad accettare un terreno di discussione sbagliato e fuori dal tempo moderno. Noi dobbiamo pretendere che la discussione e il confronto politico avvenga sempre sul concetto esteso e strategicamente lungimirante e corretto di mobilità e non su quello ristretto e miope di viabilità.

Bisogna iniziare a pensare e a progettare, con una nuova cultura, la mobilità delle merci e delle persone nel nostro paese, dappertutto, ma soprattutto, per noi toscani, lungo quello che è diventato ormai un infinito itinerario di città e periferie confinanti e comunicanti tra loro, sulla direttrice Viareggio, Lucca, Pistoia, Prato, Firenze la dove, vive e lavora e si concentra  la stragrande maggioranza della popolazione Toscana.

Bisogna iniziare da subito a lavorare  per modificare la domanda di mobilità, lavorando per razionalizzare orari e tempi di studio, di lavoro, delle diverse attività produttive, commerciali e dei servizi, per diversificare e ridurre il bisogno di una mobilità oggi così irrazionale e individualistica, attraverso la promozione di tutte le  forme possibili di mobilità.

Mentre si parla di realizzare la terza corsia autostradale abbiamo un servizio ferroviario regionale da incubo, inaffidabile, con tempi di percorrenza indicibili, completamente fuori dagli standard minimi europei.

E’ urgente e quanto mai prioritario il raddoppio della ferrovia lungo tutta la direttrice Firenze Mare per realizzare una metropolitana leggera di superficie per collegamenti veloci tra  le diverse città e il capoluogo regionale principale centro attrattore di interessi e traffici, con fermate veloci nelle diverse stazioni lungo la direttrice attrezzate con moderni parcheggi scambiatori.

Dobbiamo investire in questo progetto le risorse disponibili e se non le abbiamo dobbiamo in qualche modo trovarle.

Se la terza corsia è la risposta che la politica regionale sa dare all’inizio del secondo decennio del terzo millennio, allora mi cadono le braccia dallo sconforto e mi viene da pensare che il declino sia inevitabile perché si sta andando proprio nella direzione ostinatamente contraria rispetto al resto dell’Europa.

Eugenio Baronti

Sinistra ecologia Libertà

Ex Assessore regionale

Share on Facebook
  • No Related Post
bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark bookmark
tabs-top